SICUREZZA

FINESTRE IN ALLUMINIO LEGNO
7 Giugno 2017

CARATTERISTICHE DEL MATERIALE PVC RIGIDO

La materia prima utilizzata per l’estrusione dei profilati è costituita da una mescola a base di PVC (polivinilcloruro) rigido-antiurtizzato, che garantisce la produzione di profili “altamente resistenti agli urti” anche a basse temperature, stabilizzata per ottenere un’elevatissima resistenza agli agenti atmosferici.

Il profilo in PVC deve essere riciclabile al 100%.

La mescola non deve contenere composti e stabilizzanti a base di piombo.

Le pareti visibili interne ed esterne del profilato dovranno rientrare nella Classe A secondo la normativa EN 12608 e realizzata con una mescola che dovrà avere una resistenza all’irraggiamento solare da “Clima Severo” , Classe S, così come previsto dal W.M.O. (World Meteorological Organisation) per la zona di irraggiamento dell’Italia e come meglio specificato nella EN 12608 e cioè maggiore o uguale a 5GJ/mq.

CARATTERISTICHE DI TENUTA DEL SERRAMENTO

Le classi di resistenza di tenuta all’ acqua secondo EN 12207, di permeabilità all’aria secondo EN 12208 e di Resistenza al carico di Vento secondo EN 12210, saranno verificate prima dell’ inizio dei lavori su certificazioni e documentazioni per il campione del serramento la cui tipologia risulta la più significativa dell’abaco dei serramenti facenti parte dell’appalto mediante l’effettuazione delle specifiche prove di laboratorio.

 

PROVE ATTIVE DI ROTTURA 

CLASSE DI REAZIONE AL FUOCO

Classe di reazione al fuoco k 1 del materiale, attribuita in conformità alla UNI 9177.

Tale requisito dovrà essere comprovato con il rilascio del relativo certificato di prova, emesso ai sensi dell’articolo 8 del decreto del Ministero dell’Interno del 26 giugno 1984 recante “classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi e successive modificazioni di cui al decreto del Ministero dell’Interno del 3 settembre 2001”.

CONFORMAZIONE DEI PROFILI PRINCIPALI

Gli infissi saranno realizzati con profili principali, telai e ante a 6 camere interne, con tre guarnizioni di tenuta, una su telaio, esterna, una seconda centrale sull’anta ed una terza per la battuta interna sull’anta. Dovranno rispondere ai seguenti requisiti.

Telaio fisso: ha una dimensione minima in profondità di 74,0 mm e massima di 82,5mm, a 5/6 camere con aletta di battuta da 30/60 mm oppure ad L con la possibilità di applicare a scatto profili di allargamento, coprifili e profili di accoppiamento e dotato di una guarnizione di battuta esterna.

Il rinforzo metallico, opportunamente sagomato, dovrà necessariamente alloggiare nella propria camera, non avere nessun contatto con aria e acqua e deve consentire un corretto fissaggio delle viti per la ferramenta.

Per permettere il regolare drenaggio dell’acqua, nella camera esterna vengono eseguite delle aperture con dimensione di 25,0 mm x 5,0 mm posizionate ad una distanza massima di 600 mm l’una dall’altra.

Le pareti visibili interne ed esterne del profilato dovranno avere uno spessore minimo secondo la Classe A rispondente a normativa UNI EN 12608 ed una resistenza all’irraggiamento solare da “Clima Severo”, Classe S, così come previsto per la zona di irraggiamento dell’Italia e come meglio specificato nella UNI EN 12608.
Anta apribile: ha una dimensione in profondità di 74,0 mm, ha 6 camere interne, una guarnizione centrale ed una di battuta interna, è opportunamente sagomata per consentire il perfetto funzionamento delle tre guarnizioni.

Le pareti visibili interne ed esterne del profilato dovranno avere uno spessore minimo secondo la Classe A rispondente a normativa UNI EN 12608 ed una resistenza all’irraggiamento solare da “Clima Severo”, Classe S, così come previsto per la zona di irraggiamento dell’Italia e come meglio specificato nella UNI EN 12608, la superficie esterna è a gradino rispetto al telaio fisso, la battuta del vetro è predisposta con una cava continua per l’alloggiamento della guarnizione da vetro.

Per permettere il regolare drenaggio delle acque, nella camera esterna vengono eseguite delle aperture con dimensione di 25,0 mm x 5,0 mm posizionate ad una distanza massima di 600 mm l’una dall’altra.

RINFORZI IN ACCIAIO

I profilati in PVC dell’anta e del telaio sono rinforzati con profili in acciaio protetti con trattamento superficiale anticorrosivo di zincatura Z 200 – Z 275.

Nel telaio fisso viene utilizzato 1 rinforzo invece nell’anta 3 rinforzi (1 rinforzo standard più 2 rinforzi supplementari di cui uno viene collocato sotto cava ferramenta ed altro sotto vetro).

Il serramentista dovrà fornire l’attestato di certificazione secondo la norma EN 10204, il certificato dovrà rendere evidente le caratteristiche della zincatura summenzionata.
L’ancoraggio dei rinforzi ai profili in PVC avviene tramite viti autoforanti fissate ad una distanza massima di 300 mm tra ogni vite. Il rinforzo in acciaio alloggia in una camera opportunamente separata dalla camera di drenaggio per evitare il contatto del rinforzo con l’acqua

LISTELLI FERMAVETRO

I fermavetri saranno applicati all’interno e dovranno essere del tipo ad aggancio continuo su tutta la lunghezza. Il listello fermavetro ha le seguenti caratteristiche:

– sistema di aggancio a piedino che permette l’incastro per tutta la lunghezza dello stesso,

guarnizione di tenuta coestrusa (unita per fusione al profilo di PVC rigido).

GUARNIZIONI DI TENUTA

Le guarnizioni di battuta (dinamiche) dovranno essere in TPV (elastomero saldabile).

Potranno essere saldate negli angoli, ma adeguatamente pulite dal cordolo di saldatura.

COSTRUZIONE DEI TELAI E DEI BATTENTI

I telai ed i battenti sono saldati sugli angoli mediante un processo di termofusione del materiale, con successiva asportazione del cordolo di saldatura in eccesso da ogni lato del profilo.

I carichi di rottura della zona di saldatura sono rispondenti alle direttive citate nelle normative UNI, RAL. Sia telai che ante sono internamente rinforzate con adeguati profili in acciaio zincato certificati NON RADIOATTIVITA. Nel telaio viene utilizzato rinforzo chiuso di spessore adeguato al colore e dimensione del serramento. Nell’anta vengono utilizzati 3 rinforzi : rinforzo standard perimetrale di spessore adeguato al colore e dimensioni del serramento , rinforzo cava ferramenta 12×10 per ancoraggio viti della ferramenta a nastro ed ultimo rinforzo sottovetro di spessore 3mm per garantire la tenuta antiscasso e deformazione .

I collegamenti delle traverse sui telai sono realizzati con i dispositivi meccanici di comprovata idoneità prestazionale.


ALTRI PRODOTTI